Costruire un E-learning

Costruire un E-learning

Prima di operare una scelta in termini di tecnologie utilizzate (per disegnare, sviluppare, e distribuire i materiali didattici), è necessario stabilire gli obiettivi ed il contesto all’interno del quale si realizzerà il progetto formativo. In seguito, si adotteranno le tecnologie più idonee. Solitamente, molte di esse sono già installate all’interno di quasi tutti i pc. A titolo di esempio, un semplice strumento a disposizione di tutti gli utenti Windows, è NetMeeting, che potrebbe supportare in modo sufficientemente adeguato la funzione di client per semplici sessioni di chat, consentendo lo svolgimento di lezioni all’interno di una classe virtuale.

Allo stesso modo, la scelta degli strumenti di sviluppo, dipende anche dalla tecnologia che si intende utilizzare per la distribuzione del corso. Tecnologie che sono numerose e diverse tra loro. CD-Rom, WAN, Internet, ISDN, T1 sono tutti termini e tecnologie che richiedono competenza e che, se adottate, vanno sfruttate al massimo delle loro possibilità.

Elementi componenti il programma

- Testo: il testo può essere presentato sotto forma di semplici paragrafi, oppure utilizzando collegamenti ipertestuali, tavole ed altri moduli, che però richiedono un’organizzazione molto più complessa. Inoltre, si possono fornire all’utente strumenti di studio più o meno evoluti.
- Grafica e fotografie: le immagini possono essere reperite da un archivio già esistente; è anche possibile progettare di personalizzarle o di commissionarle espressamente per il programma.
- Animazione: nelle situazioni più comuni, le animazioni vengono utilizzate per aggiungere varietà visuale al programma. Ad ogni modo, si possono creare animazioni (molto più complesse) in grado di simulare una vere e proprie situazioni.
- Audio: gli elementi sonori, generalmente, vengono utilizzati per catturare l’attenzione degli studenti. In molti casi, comunque, contribuiscono significativamente all’ampliamento del materiale del corso.
- Video: si possono inserire semplici filmati, ripresi da una macchina home-video, oppure scene riprese professionalmente, spezzoni storici, etc. Il fattore qualità è determinante sia in termini di prestazione che di costi.

Strumenti per la realizzazione degli elementi componenti e-learning

Per i progetti più semplici, possono risultare sufficienti gli strumenti di produttività più comunemente utilizzati, quali word processor (ad esempio Microsoft Word), programmi per la presentazione (Microsoft PowerPoint) e database (Microsoft Access).

E’ comunque consigliato l’utilizzo di software che possano facilmente comunicare con altri programmi. Per la produzione di lavori che prevedono elaborazioni più complesse, è necessario affidarsi a software quali: Adobe Photoshop (per il ritocco fotografico), Premiere o Final Cut (rispettivamente prodotti da Adobe e Apple) per il montaggio video, Sonic Foundry Sound Forge per la registrazione, il campionamento e l’elaborazione di file audio, etc. Per quel che concerne l’interattività, il software consigliato è Macromedia Flash se non, addirittura, adeguati linguaggi di programmazione (Java, ASP, PHP, ASP.NET). In ogni caso, si potrebbe avere bisogno di distribuire alcuni materiali su CD-Rom.

In questo caso, è bene ricorrere a strumenti altamente professionali, come Macromedia Director. Nel caso si distribuisse anche materiale cartaceo, può risultare utile prepararlo con strumenti evoluti di Desktop Publishing come QuarkXpress, Adobe InDesign o, più semplicemente, Macromedia Freehand. Indipendentemente dagli strumenti utilizzati, è importante che i prodotti possano venir utilizzati sul maggior numero di sistemi possibile. A tal fine, a tale scopo conviene far ricorso agli standard seguenti:

- Formati Testo: Rich Text Format (.rft), Hypertext Markup Language (.html), Acrobat Portable, Document Format (.pdf)
- Formati Grafici e Fotografici: Bitmap (.bmp), Graphic Interchange File (.gif), Joint Photographic Experts Group (.jpg), Portable Network Graphic (.png)
- Formati Animazioni e Video: Moving Picture Experts Group (.mpeg), Audio-Video Interleaved (.avi), QuickTime Movie (.mov), Shockwave Flash (.swf)
- Formati Audio: Windows Wave (.wav), Audio Interchange File Format (.aif), MPEG-1 Audio Layer (.mp3).

Strumenti di authoring
Create le componenti testuali, grafiche e multimediali, esse vanno assemblate in modo coerente.

Gli elementi possono essere presentati in maniera molto semplice (ad esempio, con un’impaginazione in file html), ma potrebbe essere necessaria un’organizzazione più sofisticata, specialmente se si i contenuti sono veicolati anche su supporto digitale.

In questo caso, infatti, occorre affidarsi a determinati software di authoring e/o a linguaggi di programmazione. Sono applicazioni finalizzate alla creazione programmi di addestramento, consentendo di creare un buon grado di interazione con lo studente tramite questionari, simulazioni, quiz, sistemi di verifica, etc.

I pacchetti migliori (Macromedia Authorware e Toolbok, distribuito da Click2Learn), permettono di creare la ambienti formativi ricchi di elementi multimediali, attraverso un set di operazioni preconfezionate con un alto livello di personalizzazione; rendono possibile l’incorporazione dei diversi formati, da Word a PowerPoint, da QuickTime a Flash, fino agli oggetti ActiveX. Authorware contiene anche un potente linguaggio di scripting interno.

Strumenti per la gestione del corso

Per la gestione del corso vengono usati soprattutto strumenti per il training e la formazione, per consentire agli studenti di seguire le tracce del corso ed archiviare le informazioni personali.
E-learning più complessi sono in grado di trasferiscono tali dati a software LMS (Learning Management System) al fine di ottenere gestione ed elaborazione a livelli ottimali. Il sistema LMS può essere installato mediante software proprietario o commerciale, oppure, si può implementare in modo personalizzato attraverso applicazioni Web. Ultimamente, vengono utilizzati anche i sistemi LCMS (Learning Content Management System), in grado di combinare le dimensioni amministrative e gestionali di un tradizionale LMS con le componenti di authoring e di riassemblaggio personalizzato di contenuti proprie di un CMS.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine